I diversi modi di ultilizzare la stevia

La Stevia Rebaudiana proviene dal Paraguay e dal Brasile, appartenente alla classe della lattuga e della calendula. Risulta essere un edulcorante di origine naturale avente come caratteristica principale quella di non fornire alcun apporto calorico. Introdurre UsareStevianella propria dieta alimentare un infuso di questa pianta aiuta a far diminuire il desiderio di alcol, grassi e fumo.

L’uso di questo tipo d’infuso è consigliato alle giovani donne sottoposte a sbalzi ormonali, ad una dieta sregolata o molto golose di dolci.
Le foglie di Stevia infatti, risultano essere delle ottime alleate per la nostra salute grazie al loro contenuto in proteine, fibre, oligoelementi, fosforo, calcio, sodio, magnesio, zinco, potassio, vitamina A e oli essenziali.
La Stevia poi non agisce solo sul desiderio di mangiare dolci e grassi, ma aiuta anche i vasi sanguigni a svolgere il proprio lavoro e migliorare l’aspetto della pelle migliorando rughe, acne e dermatiti.

C’è poi da tener presente come la sua assunzione giornaliera può aiutare nei processi di disintossicazione dal tabacco e alcol in quanto ne inibisce il desiderio.
Le foglie di Stevia sono disponibili in tre diverse forme: forma licquida (molto più dolce dello zucchero ed è utilizzata nella dolcificazione di tè, caffè e cioccolata calda), forma di foglia (ottima per infusioni), forma di polvere (con capacità edulcorante 300 volte superiore allo zucchero di canna).

Ottenere e utilizzare la Stevia nelle diverse forme è molto semplice:
l’estratto liquido si ottiene lasciando macerare per 24 ore le foglie fresche in alcol puro a 95°, in seguito si filtra e si diluisce l’alcol con una pari quantità di acqua  Se si desidera diminuire ulteriormente la quantità di alcol, basterà semplicemente riscaldare la soluzione (senza portarla ad ebollizione); le infusioni si ottengono aggiungendo le foglie all’acqua bollente e lasciando riposare il tutto per circa 10 minuti;
la polvere invece si realizza lasciando essiccare le foglie e poi tritarle con un mixer da cucina.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Diabete, Dolcificanti, Gli esperti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...